Schermata-2014-05-15-alle-12.08.39-704x318

Diffuse Large B-Cell Lymphoma: new evidences

L’evento si terrà sotto il patrocinio REL (Rete Ematologica Lombarda) e FIL (Fondazione Italiana Linfomi) e avrà luogo il prossimo 30 maggio a Milano.

RAZIONALE SCIENTIFICO

Il Linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) rappresenta il più frequente linfoma diagnosticato nei paesi occidentali, costituendo circa il 35-40% di tutti i linfomi a cellule B; è un linfoma aggressivo che si presenta alla diagnosi con un interessamento linfonodale esteso, con sintomi sistemici e con frequente localizzazione in sede extra-nodale (40% dei casi). Esistono alcune varianti del DLBCL, con diverse caratteristiche cliniche e isto-patologiche.
La terapia di prima linea del DLBCL è costituita da uno schema di chemio-immunoterapia chiamato R-CHOP (Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina, Prednisone). Il Rituximab è un anticorpo monoclonale che agisce contro una molecola di superficie espressa dalle cellule neoplastiche e dai linfociti B normali che si chiama CD20: il suo utilizzo, diffuso da circa 10 anni, ha permesso di ottenere un notevole miglioramento delle risposte cliniche e della sopravvivenza nei pazienti affetti da questa malattia. Globalmente, grazie a questa terapia, circa il 70-75% dei pazienti affetti da DBLCL ottiene una remissione completa al termine del trattamento e circa il 50-60% la guarigione da questa malattia; tali percentuali sono ovviamente variabili a seconda dell’estensione della malattia alla diagnosi e della presenza o meno di fattori prognostici sfavorevoli.

Considerando gli enormi progressi nell’ambito dell’approccio terapeutico e della diagnostica nell’ambito dei “linfomi diffusi a grandi cellule”, l’incontro vuole costituire un’occasione di aggiornamento importante e fare il punto della situazione su questa patologia con particolare attenzione:alle migliori modalità di combinazione fra chemioterapia convenzionale ed immunoterapia; alle specifiche ulteriori entità anatomo-cliniche nell’ambito dei linfomi non Hodgkin aggressivi; ad i nuovi agenti
All’evento sono invitati alcuni tra i principali esperti italiani di questa patologia, oltre ad un’importante presenza internazionale, il Prof. Michael Pfreundschuh di Homburg (Germania) che si confronteranno con specialisti ematologi ed oncologi.

Visualizza il programma completo

Copyright © 2016 Associazione Malattie del Sangue Onlus.