Fortissimamente… ASH!

Dopo quattro anni il convegno ematologico più importante e prestigioso, il Congresso della Società Americana di Ematologia (American Society of Hematology, ASH) è tornato sulle rive del Missisipi per celebrare a New Orleans la sua 55° edizione. A destreggiarci tra lavori congressuali e jazz session nella chiassosa Barbour street, caroselli cittadini per la vittoria domenicale della squadra di football, i Saints, e misteriosi e piccanti piatti creoli, c’eravamo anche noi, medici e biologi dell’Ematologia di Niguarda.

La città culla del jazz ha accolto con spirito cordiale e amichevole oltre 20.000 partecipanti provenienti da tutto il mondo, alle prese per cinque giorni con un programma congressuale davvero fittissimo, caratterizzato da sessioni plenarie e simultanee a tema, workshops e presentazione di posters.
Durante la trasferta mi sono chiesta più volte se nel terzo millennio, in cui informazioni e idee circolano agevolmente grazie alle enormi potenzialità delle nuove tecnologie, abbia ancora senso attraversare l’Atlantico per ritrovarsi in un enorme centro congressi a discutere di Ematologia. La risposta che mi sono data è decisamente affermativa. I congressi internazionali, e l’ASH in particolar modo, sono occasioni insostituibili per confrontarsi, aggiornarsi e presentare le proprie esperienze di ricerca clinica e di base.
L’Ematologia è una disciplina che corre veloce, e per chi se ne occupa l’aggiornamento è irrinunciabile.
Senza addentrarci nelle differenti patologie, direi che questa edizione è stata caratterizzata da ulteriori nuove scoperte dei meccanismi fisiopatologici che sottendono allo sviluppo delle malattie: la nostra conoscenza del “linguaggio” e dei segnali che regolano la vita cellulare sta raggiungendo livelli sempre più dettagliati, costituendo la base per lo sviluppo di terapie sempre più mirate, “intelligenti” e probabilmente meno tossiche.
Per cui… Appuntamento per la 56° edizione a San Francisco!

di Chiara Rusconi
medico specialista ematologo

Copyright © 2016 Associazione Malattie del Sangue Onlus.